Indietro

SS. Redentore

SS. Redentore

Ubicata a monte della ferrovia Circumvesuviana e a valle dell'autostrada Napoli-Salerno, la chiesa si inserisce nel quartiere realizzato con i fondi delle legge 167. La forma è circolare con il tetto che si avvolge attorno all'elemento centrale a forma di chiocciola. Il complesso, al quale si accede mediante un'ampia scala, si compone di un'aula celebrativa che può contenere circa 300 persone, la sagrestia, le aule catechistiche, la canonica e gli spazi per le attività sociali. In particolare, l'aula della celebrazione ha forma semicircolare, con un elemento centrale che sostiene il tetto e nel contempo fa da abside all'altare mensa in un presbiterio ampio e ordinato. Nella parte centrale dell'abside è posto un Crocifisso di scultore ignoto, ma di ottima fattura. Mentre su una base in marmo troviamo il gruppo ligneo, a grandezza quasi naturale, della Madonna con il Bambino, la Madonna delle Grazie, opera dell'artista Francesco Ausiello, che data al 1878.