Indietro

S. Maria del Pilar

S. Maria del Pilar

La cappella, situata sul Corso Resina ai confini con Torre del Greco, fu costruita nel 1748, fin dalle sue origini ebbe l'attuale titolo, nel tempo ha subito qualche rimaneggiamento. La facciata, con il suo piccolo ma originale portale in piperno, è quella primitiva.
Questa chiesa, pur se di modesto impianto, costituisce uno degli esempi più cospicui del rococò napoletano.
All'interno numerosissimi sono gli stucchi, opera di abilissimi artigiani locali. L'altare settecentesco è costruito con preziosi policromi marmi con ai lati due teste d'angelo. Sull'altare è una tela del settecento, di mediocre fattura, che raffigura una popolare leggenda spagnola: l'apostolo Giacomo il Maggiore ebbe a Saragozza la visita della Vergine, là trasportata da Gerusalemme su una colonna di marmo (pilar in spagnolo) da migliaia di angeli; La madonna dopo aver esortato l'apostolo a costruire un santuario fu riportata dagli stessi a Gerusalemme.
Su ciascuna delle pareti della navata ci sono tre medaglioni di stucco che recavano delle belle tele settecentesche, trafugate alcuni anni fa.