Indietro

Trecento ragazzi ai Giochi della Gioventù di Ercolano in nome di Noemi

"Noemi è con noi. I bambini non si toccano. La camorra fa schifo". Questo lo striscione che gli studenti delle scuole di Ercolano hanno voluto che diventasse il simbolo delle "Ercolaniadi", manifestazione sportiva che coinvolge tutte le scuole elementari e medie della città di Ercolano in programma allo stadio "Solaro" da oggi fino a lunedì. Circa trecento ragazzini hanno sfilato alla cerimonia inaugurale della manifestazione con uno striscione in sostegno della bambina ferita da una sparatoria nel centro di Napoli.

L'iniziativa è partita dagli studenti e dalle loro insegnanti che in questi giorni stanno seguendo un caso che ha colpito in particolar modo bambini e ragazzi dell'hinterland napoletano: «Un gesto di solidarietà sincero che è partito dai ragazzi che si sentono vicini a una loro coetanea che si è trovata nel posto sbagliato, nel momento sbagliato e ora lotta tra la vita e la morte – dice il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto che, insieme al vicesindaco e assessore allo Sport Luigi Fiengo, ha partecipato alla manifestazione inaugurale delle Ercolaniadi -. Sembra che i colpevoli di questo orrendo delitto siano stati assicurati alla giustizia: è una bella notizia, ma la più bella di tutti sarebbe sapere che Noemi è definitivamente fuori pericolo e tornerà ad essere una bambina spensierata».

«Si tratta di una bella iniziativa organizzata da tutte le scuole con il sostegno delle associazioni del territorio – dice il vicesindaco e assessore allo Sport Luigi Fiengo – Siamo contenti di aver creato una occasione di aggregazione per tanti studenti della nostra città ed è bello che in questo momento i ragazzi abbiano pensato a Noemi».