Museo dell'Osservatorio Vesuviano

 

English  Español         

Fondato nel 1841 da Ferdinando II di Borbone, l'Osservatorio vesuviano fu la prima struttura al mondo creata per studiare i fenomeni vulcanici. L'istituzione scientifica fu collocata in un elegante edificio neoclassico progettato dall'architetto G. Fazzini ed inaugurata nel 1845. La struttura avvierà le sue attività di ricerca solo nel marzo del 1848.

 L'ubicazione sul Vesuvio, tra Ercolano e Torre del Greco, a 608 metri di quota, fu scelta in quanto abbastanza distante dal cratere da non essere raggiunto dai lapilli e dai proietti di grosse dimensioni ed abbastanza elevato da non essere interessato dalle colate di lava che furono eruttate dopo la sua costruzione.

 

Lo stesso edificio oggi, non essendo più adeguato allo svolgimento delle attività, è sede del Museo, dove sono conservati strumenti di notevole valore storico, utilizzati da scienziati e ricercatori nel corso dei secoli, tra questi il sismografo elettromagnetico di Luigi Palmieri del 1856.

L'Osservatorio ospita inoltre la Biblioteca storica nella quale sono conservate oltre ai testi del XVI e XVII secolo anche una vasta collezione di riproduzioni pittoriche del Vesuvio in eruzione. Sono inoltre conservati i campioni di lave, ceneri e minerali fumarolici. Dal 2009 il percorso espositivo si è arricchito della mostra "Vulcanica – percorso multimediale nel mondo dei vulcani" con pannelli ed exhibits sui vulcani italiani e sulla geotermia, contributi audiovisivi, una parete multimediale e una saletta per film 3D che conducono il visitatore alla conoscenza dei vulcani attivi in Italia, con notizie circa la loro pericolosità e i sistemi adottati dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) per il controllo della loro attività.

L'Osservatorio coopera attivamente con molti istituiti di ricerca internazionali ed ospita un grande numero di ricercatori provenienti da tutto il mondo.

 

 

 

                                                                                                                  

ORARI E PERIODO DI APERTURA
 Giorni feriali: 9.30 - 16.00 (settembre-marzo)
9.00 - 16.00 (aprile-luglio)
Giorni festivi: 10.00-16.00 (settembre-marzo)
10.00-16.00 (aprile-luglio)

                

 

 

 

 

 

Salvo aperture straordinarie. Prenotazione obbligatoria.

Per info e prenotazioni (gruppi minimo di 15 persone) telefonare dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:30 alle ore 13:00 ai numeri:

Cell: +39 346 0628063

Tel: +39 081 6108560

fax +39 081 6108559

Email: museo@ov.ingv.it