Una piccola folla di curiosi ha assistito all’arrivo, per la prima volta nella storia, al Molo Borbonico di Ercolano della Madonna del Pescatore e del Subacqueo. La statua, grazie ai palombari del Raggruppamento Subacquei e Incursori della Marina Militare, è stata recuperata nel primo pomeriggio del 12 luglio dal Santuario sottomarino che si trova sul fondale a largo di Punta Quattroventi.

Sul Molo Borbonico ad attendere la statua, insieme ai bagnanti, il sindaco Ciro Buonajuto, il vicesindaco Luigi Luciani, l’assessore con delega alle Tradizioni Religiose, Mariarca Cascone, e il Comandante della base della Marina Militare di Napoli, Aniello Cuciniello.  

La statua in queste settimane sarà sottoposta ad una serie di interventi di pulizia e restauro in vista della Festa della Madonna del Pescatore e del Subacqueo che come da tradizione si terrà la terza domenica del mese di settembre.

“Il recupero della Madonna del Pescatore rinsalda sempre di più quel connubio che unisce la città di Ercolano e il Mare. E’ stato un momento particolarmente emozionante. Voglio ringraziare, a nome di tutta la cittadinanza, i subacquei della Marina Militare per aver risposto al nostro invito. Ora la statua sarà restaurata e ripulita in vista della Festa della Madonna del Pescatore e del Subacqueo in programma il 18 settembre. Una delle tradizioni più sentite della nostra comunità insieme alla Festa di Pugliano. Non è un caso che le due festività religiose della nostra città sono legate al mare” – è quanto dichiara Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano e vicepresidente nazionale dell’Anci.

 

 

 

 

torna all'inizio del contenuto