Indietro

Tappa ad Ercolano della Marcia del Ricordo della tragedia di Balvano

Il disastro ferroviario di Balvano, piccola località in provincia di Potenza, si verificò nella notte del 3 marzo 1944 ed assume i tratti della più grande tragedia ferroviaria europea con oltre 600 morti e senza averne individuato responsabilità. Al centro della tragedia è il treno 8017 partito da Napoli, il giorno prima, stracarico di merci e viaggiatori, molti dei quali clandestini, e trainato da due locomotive a vapore. Il disastro ebbe luogo nella Galleria delle Armi, nei pressi della stazione di Balvano-Ricigliano, in provincia di Potenza, quando le locomotive, per il peso eccessivo, la pendenza del tratto e una serie di cause tecniche, non riuscirono a portare il convoglio fuori dalla galleria determinando la morte per asfissia di centinaia di italiani, tra cui molti nostri concittadini.

Per commemorare l'immane tragedia, giovedì 16 febbraio è partita da Cassino la 1^ Marcia del Ricordo, organizzata dalla sezione campana del Club Alpino Italiano ed altre realtà della società civile con il patrocinio della Regione Campania e della nostra Amministrazione civica oltre agli altri Enti toccati dalla tragedia. Martedì 28 febbraio il corteo, proveniente da Angri farà tappa ad Ercolano, dove nella Basilica di Pugliano alle 10,00 sarà celebrata la Santa Messa presieduta da don Franco Imperato. Molto significativa, dal punto di vista simbolico, sarà la raccolta durante la Marcia, di un po' di terra proveniente dalla città coinvolte che sarà mescolato e portato alla cerimonia conclusiva dell'iniziativa che si terrà a Balvano venerdì 3 marzo.